Acqua, come la bevi?

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Tra i mille consigli letti, ascoltati, non richiesti, quello su come e a che temperatura bere l’acqua è tra i nostri preferiti.
La bevi calda, fredda, vicino o lontano dai pasti, appena ti svegli, con o senza limone?

L’ideale è berla calda o, al limite, a temperatura ambiente.
Per quanto riguarda vicino o lontano dai pasti, in un mondo perfetto bisognerebbe berla lontano dai pasti per non diluire i succhi gastrici che sono impegnati nella digestione. Ma non viviamo in un mondo perfetto, quindi se riesci a bere solo durante i pasti, fallo! L’importante è bere (parliamo di acqua ovviamente).

l'acqua buona
l’acqua buona

UN PO’ DI STORIA:
Nella Medicina Tradizionale Cinese bere acqua calda o tè è il solo modo per bere durante la giornata. L’acqua fredda viene considerata dannosa per l’energia di milza e stomaco. Bollire l’acqua, sempre secondo la MTC, è un modo per purificare l’acqua dai batteri e serve per mantenere un buon livello di calore nel corpo. Lo stomaco infatti ha necessità di calore per digerire i cibi. L’acqua fredda andrebbe solo a rallentarne le funzioni. L’Acqua calda è anche consigliata d’estate per rimanere più freschi più velocemente.

FA BENE PERCHE’:
Idrata : il corpo ha una sua temperatura interna, per cui, bevendo acqua calda favoriamo il rilassamento e un più facile assorbimento a livello cellulare. L’acqua fredda blocca, irrigidisce e affatica i reni.
Detossina le cellule : è una conseguenza dell’idratazione. Se i tessuti e gli organi sono idratati nel modo giusto, si favorisce la disintossicazione e la pulizia del corpo. Inoltre i reni saranno più tonici. Questo favorisce anche un buon funzionamento del metabolismo e, se hai problemi di peso, ti aiuta attenuando il senso di fame fra un pasto e l’altro, anche per la fame nervosa per via del suo effetto calmante. Spesso, quando pensiamo di avere fame, abbiamo invece sete. Bere ci idrata e contemporaneamente ci fa passare la “fame”.

Aiuta il transito intestinale : rilassando gli organi interni aumenta l’idratazione delle feci e ne favorisce l’evacuazione.
Siccome rilassa gli organi e la muscolatura, aiuta in caso di crampi o di dolori mestruali.
Grazie all’idratazione migliora i problemi alla pelle. Questo a tutti i livelli e per tutte le età.
Bere, inoltre, aiuta per dolori muscolari, mal di testa, cattiva digestione e reflusso.

 

COME BERE NELL’ARCO DELLA GIORNATA?
E’ sempre consigliabile bere almeno 2 litri al giorno iniziando dal mattino con una tazza di acqua calda semplice, con un po’ di succo di limone o con una goccia di olio essenziale di limone (sincerati che sia un olio essenziale edibile).
Durante il giorno regolati a seconda delle tue esigenze facendo attenzione a non bere a ridosso dei pasti. Quindi 15 minuti prima del pasto e almeno 1 o 2 ore dopo il pasto (sempre nel famoso mondo perfetto, ricordandoti che è meglio bere durante i pasti che non bere affatto).

Puoi bere anche tisane, ma senza esagerare perché troppe tisane tendono ad irritare l’intestino.
Munisciti di bollitore elettrico per scaldare l’acqua in modo rapido e di thermos in modo da avere l’acqua calda sempre con te.
In molti aeroporti trovi dei dispenser appositi di acqua calda per riempire le borracce. Sono pensati per i Cinesi che non possono farne a meno e, una volta provata, non potrai più farne a meno neanche tu!

C’è anche chi dice che non ci sono prove scientifiche che l’acqua calda sia così miracolosa, ma in un mondo in cui si dice tutto e il contrario di tutto e in cui siamo abituati a guardare tutto al microscopio perdendo di vista la visione globale, possiamo forse affidarci al buonsenso. E’ comunque consigliabile sperimentare di persona i giovamenti che questa sana abitudine ci apporta e decidere liberamente.

Ricordati sempre di ascoltare il tuo corpo, lui conosce la strada.
Non ci resta che augurarti buona idratazione!

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Scopri il primo corso di Vegromage