Buone prassi per una buona sveglia

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Ti è mai capitato di temporeggiare sotto le coperte, ritardare la sveglia di dieci minuti in dieci minuti e far passare anche un’ora?

Se non hai voglia di alzarti le motivazioni possono essere molteplici: il cambio di stagione, gli sbalzi ormonali, le situazioni che portano stress fisico e emotivo, le preoccupazioni per il futuro. Il risultato è che dormiamo male e facciamo fatica a svegliarci. O peggio : ci svegliamo ma cominciamo a rimuginare e non vogliamo alzarci comunque.

Un altro motivo è quello di non avere un vero scopo nella vita. In Giappone lo chiamano “ikigai” , in una parola il tuo perché, la tua ragione per vivere, qualcosa per cui alzarti la mattina e per essere felice. Questo è sicuramente un argomento che ti consigliamo di affrontare e di approfondire. 

Trovi molti libri sul web : uno su tutti (ma ce ne sono molti validissimi) IKIGAI – Il metodo giapponese, trovare il senso della vita per essere felici. Ed Giunti. Autrice Bettina Lemke. E poi i video su You Tube abbondano.

Nel caso le idee su cosa fare della tua vita siano chiare e il problema è solo alzarsi con maggiore energia, ci sono delle piccole sane abitudini che possiamo  adottare per cercare di avere un risveglio  piacevole che faccia partire subito la giornata in senso positivo. 

TEMPO : Innanzi tutto è importante capire quanto tempo possiamo dedicare alle nostre buone prassi per il risveglio. Cinque minuti, dieci minuti, mezz’ora? Un’ora?! Bene. Capito questo, cerchiamo di trovare degli esercizi o delle pratiche che rientrino in quel lasso di tempo e che, per farle, non ci venga l’ansia da prestazione.

Facciamo qualche esempio. 

RESPIRAZIONE O MEDITAZIONE : una buona prassi appena svegli è quella di fare una mini sessione di respirazione. La respirazione del metodo di Wim Hof è davvero efficace perché ossigena perfettamente tutte le cellule e da una sferzata di energia tipo caffeina. Va fatta rigorosamente a stomaco vuoto. Si basa su tre Roud di respirazioni complete e continue. Alla fine di ogni round si trattiene il fiato in ESPIRAZIONE da 1 a 3 minuti (ci si arriva per gradi) quindi si riprende fiato e si trattiene a polmoni pieni per 15 secondi. Prova a farla per qualche giorno di seguito. Ti accorgerai della differenza nel momento in cui la interrompi!  

https://www.youtube.com/watch?v=nzCaZQqAs9I questo è il video tutorial su come si fa la respirazione 

https://www.youtube.com/watch?v=tybOi4hjZFQ questo è il video della respirazione guidata. Sono in inglese, ma molto comprensibili.

Se pensi non faccia per te, puoi sempre optare per la meditazione. Prova iniziando da pochi minuti di respirazione semplice fatta con il diaframma (gonfia la pancia), seduto con le gambe incrociate se riesci, se no semplicemente seduto sul letto o su una sedia, cercando di concentrarti sul respiro e pensando a nulla. Ovviamente la mente cercherà di divagare, ma l’esercizio sta proprio nel riportarla alla quiete. Puoi iniziare da 5 minuti e poi gradatamente aumentare. Se fatta bene bastano anche 10 minuti al giorno. Non abbiamo un link specifico da darti, ma se metti “meditazione per principianti” sul tuo motore di ricerca, avrai l’imbarazzo della scelta.

ESERCIZI : un’altra pratica bellissima per iniziare bene la giornata è un auto- massaggio tibetano di cui alleghiamo il video. E’ semplicissimo. Ci vogliono circa 7/8 minuti per farlo tutto comodamente. Si può fare stando a letto (quindi non sei costretto a prendere tappetini o altro), ma come prassi di risveglio è energizzante e non violenta. Consigliatissima anche dopo la respirazione di Hof. 

https://www.youtube.com/watch?v=8F-2qPciTSo&t=57s questo il link.

Altra cosa che puoi fare è un po’ di stretching o yoga direttamente a letto.

https://www.youtube.com/watch?v=8tFk1MMti44 questo link, fra gli altri visionati, è chiaro e semplice e adatto anche ai principianti. Ma, anche in questo caso, trovi di tutto on line.

IDRATAZIONE : importantissimo idratarsi bene appena ci svegliamo. Meglio se con acqua calda o tiepida. Prova a tenere un termos di acqua calda sul comodino preparandolo la sera prima, ma va bene anche a temperatura ambiente. Puoi bere un bicchiere d’acqua con una goccia di olio essenziale di limone, l’importante è che siano “a uso alimentare”. Idratarsi bene aiuta a rilassare lo stomaco e a svegliarsi meglio. Evita la “botta secca” del caffè appena alzato. Meglio bere acqua, mangiare un frutto o un qualcosa e POI bere il caffè.

Se decidi di fare la respirazione di Wim Hof, bevi DOPO averla fatta.

A questo punto potremmo addentrarci nel discorso “leggere almeno una pagina di un libro sulla crescita personale” ma forse vale la pena  dedicare un articolo a parte su questo argomento.

L’ultimo consiglio, anche se non richiesto, è di praticare la gratitudine tutte le mattine (magari dopo aver fatto gli esercizi). Bastano due righe anche scritte sul cellulare dove esprimi la tua gratitudine a qualunque cosa ti venga in mente. E’ un esercizio che predispone al buon umore. 

E tu cosa fai la mattina per svegliarti bene?

 

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Scopri il primo corso di Vegromage