Detox e quando farla

Il cambio di stagione! Ecco il momento ideale per un bel periodo detox. Ahhh, che paura! Ora si parlerà di minestroni, insalate scondite, tisane nauseabonde e polveri di strane radici. Amare, sì, ma estremamente benefiche.

Potete rilassarvi perché oggi si parla di piccoli cambiamenti e di grandi risultati. 

Cominciamo col dire che disintossicarsi nei passaggi di stagione (tra la stagione calda e quella fredda – settembre/ottobre e da quella fredda a quella calda – aprile/maggio) è un modo per rinnovare il corpo a livello cellulare, ma anche a livello mentale. Togliendo le tossine e ossigenando meglio il sangue permettiamo al cervello di funzionare meglio. Lucidità mentale, organi interni a riposo e con funzionalità rinnovata. Basta poco. L’importante è partire con il piede giusto e senza strafare.

Partiamo cominciando a idratarci di più. Bere adeguatamente non è sempre una cosa scontata. Siamo fatti dal 70/75% di acqua ed è necessario introdurla nel nostro corpo attraverso frutta e verdure fresche. E attraverso l’acqua, ovviamente. La quantità ideale si aggira attorno ai due litri di cui un terzo andrebbe assunta nella prima parte della giornata (entro le 12) per non affaticare troppo i reni. Possiamo utilizzare delle borracce di acciaio inox o, dentro casa, delle bottiglie di vetro e disseminarle per casa in modo da ricordarci di bere. Iniziare un pasto con una verdura cruda o un’insalata è un buon modo per preparate lo stomaco al pasto e per idratarci. Mangiare frutta fresca e di stagione come spuntino (magari con qualche noce) e lontano dai pasti può essere una buona abitudine. Se vuoi qualche consiglio su come bere l’acqua QUI il link a un nostro articolo.

Ridurre l’alcol ecco un buon modo per disintossicarci. Sembra banale ma anche il famoso bicchiere di vino al giorno, se vogliamo fare un periodo di detox, andrebbe eliminato o almeno ridotto a una volta a settimana. Alleggeriamo così il fegato e i reni anche perché è un falso mito che le bevande alcoliche dissetino, al contrario disidratano. Infatti l’alcol richiede una maggiore quantità di acqua per essere metabolizzato, aumenta la perdita d’acqua attraverso le urine perché blocca l’ormone antidiuretico.

Ridurre i cibi elaborati. Per cibi elaborati, o processati, intendiamo quei cibi già pronti e confezionati e che hanno una lunga scadenza. Tutte le merendine e i biscotti confezionati, le crocchette, la pizza surgelata, i cibi precotti e così via, sono cibi che contengono molti grassi alimentari, zuccheri semplici, pressoché nessuna fibra, pochissimi micronutrienti (le vitamine), molto sale e insaporitori come il glutammato. Alla luce di questo più che ridurre bisognerebbe proprio eliminare, ma qui stiamo parlando di piccoli cambiamenti che devono diventare buone abitudini, quindi facciamo un passo alla volta. Cerchiamo di preparare noi i nostri cibi. Anche lavorando e avendo una famiglia da accudire, possiamo organizzarci magari stilando un menù settimanale e cucinando una volta a settimana per poi stoccare nel congelatore o in frigo. 

Dormire di più (!!!) questa è davvero la buona abitudine che tutti sottovalutiamo. Mancanza di tempo, stress eccessivo, impegni improrogabili. Eppure bisognerebbe dormire almeno 7/8 ore al giorno per un buon funzionamento del nostro corpo. Tra le tante proprietà benefiche del sonno ci sono l’aumento delle difese immunitarie, miglioramento dell’attenzione e delle capacità cognitive, diminuzione dell’infiammazione corporea, riduzione dell’assunzione di calorie. Cominciamo quindi ad aumentare le nostre ore di sonno. Farà bene a tutto!

Fare sport. O comunque muoversi di più. Una camminata a passo sostenuto o un’attività sportiva leggera aiuta l’ossigenazione e quindi il buon funzionamento cellulare, ma anche il buon funzionamento articolare, la produzione di ormoni benefici per il nostro corpo. Insomma : non siamo stati programmati per stare seduti in poltrona, quindi prendiamo questa buona abitudine al movimento. Scegliendo l’attività che ci è più congeniale…i gusti sono gusti!

Infine, per un buon periodo detox, è consigliabile l’assunzione di ottimi integratori (che siano altamente biodisponibili e cioè che il nostro corpo riesca a sintetizzarli riconoscendoli come alimenti) che ci aiutano a eliminare le tossine e al contempo ci apportino quei micronutrienti, sali minerali, antiossidanti e tanto altro per supportare il buon funzionamento cellulare che è, manco a dirlo, alla base di una vita sana.

Chiudiamo consigliando anche la buona abitudine ad allenare il pensiero positivo. Perché la nostra mente influenza tutto il corpo e se facciamo tutte queste cose meravigliose per disintossicarci, ma siamo sempre incazzati, beh, vanifichiamo il lavoro fatto. 

Buona detox in allegria!

Scopri il primo corso di Vegromage